Alimenti e nutrizione

Stampa
Categoria: Alimentazione

 

 

Vitamina B5 o Acido Pantotenico

 

acido pantotenico


Nel 1933 R.J. Wiliams,identificò un fattore di crescita dei lieviti, chiamato inizialmente vitamina W. Per la sua enorme diffusione nel regno vegetale e animale,in seguito fu chiamato acido pantotenico,dalla parola greca”pantos” dappertutto ; insieme alla biotina è considerata la vitamina della pelle e dei capelli. Strutturalmente si presenta come un dipeptide, costituito da acido diidrodimetilbutirrico ( acido pantoico ) e alanina, l'attività biologica è posseduta comunque solo dal suo isomero destrogiro. E' disponibile ,quando è richiesta una supplementazione integrativa, come acido-D-pantotenico o anche come pantotenato di calcio. E' una sostanza oleosa di colore giallo, solubile in alcool e acqua, facilmente termolabile. Il fabbisogno giornaliero è stimato attorno ai 7- 10 mg, da aumentare in gravidanza e durante l'allattamento materno, nei neonati e nei lattanti. L'acido pantotenico è assorbito per diffusione passiva, nell'intestino tenue, mentre l'eliminazione ha luogo attraverso la via renale. La sua utilizzazione è favorita dalla biotina e dall'acido folico, mentre l'acido salicilico del gruppo svolge un'azione anti vitamina B5.

L'importanza biologica della vitamina B5 è nel fatto che è il costituente del gruppo prostetico del coenzima A,( CoA, CoASHo HSCoA ) uno delle molecole fondamentali del metabolismo .

 coenzima A

Partecipa al metabolismo dei lipidi,dove riveste un ruolo importante nella sintesi e nell'ossidazione degli acidi grassi, dei glucidi e delle proteine e interviene nel ciclo dell'acido citrico,svolgendo un'azione di ossidazione dell'acido piruvico; prende parte alla formazione dell'acetilcolina e della sintesi degli steroidi surrenali. Nella prima fase della sintesi del Coenzima A interviene l'acido pantotenico che viene fosforilato a 4'-fosfopantotenato dall'enzima pantotenasi chinase avviando la serie di reazioni che porta alla formazione del CoA. L'acido pantotenico è indispensabile allo sviluppo e alla rigenerazione degli annessi cutanei agendo in sinergia con la vitamina A. La carenza di vitamina B5 provoca nell'uomo ipoglicemia, anemia, leucopenia, dermatiti, disturbi gastro enterici, crampi muscolari e incoordinazione motoria, ma essendo questa vitamina largamente diffusa nei cibi e prodotta dalla flora batterica intestinale è rarissimo riscontrare situazioni da carenza. Pur essendo comunque molto diffuso in natura, processi tecnologici alimentari come il congelamento o l'inscatolamento provocano perdite significative. Si trova in abbondanza nel fegato e nel rene, nel pesce e nei fritti di mare, nel pollo, nel lievito di birra, nei legumi , nelle verdure nell'uovo e nel latte.



 

Contenuto di vitamina B5 in alcuni alimenti espresso in mg%

----------------------------------------------------------------------

 Nome                   Vitamina  B5 (mg per 100 gr)

----------------------------------------------------------------------

Lievito di birra                        18.0 

Riso, crusca                            4,5

Arachidi                                  3,3

Frumento                                3,3

Farina di soia                          2,6

Uovo                                      1,8

Latte vaccino                         0,40

Pomodori                              0,30

 

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy  Cookie Policy