Medicina

Stampa
Scritto da Roberta

Esposizione occupazionale agli antineoplastici e alle altre sostanze pericolose negli ospedali e centri di cura specializzati.


I lavoratori del settore sanitario che lavorano con medicine pericolose possono essere esposti professionalmente a questi agenti presenti nell'aria, sulla superficie di lavoro, negli indumenti, nelle attrezzature mediche, nelle urine, negli escrementi o comunque nel materiale biologico proveniente dal paziente.

Tra le medicine pericolose ci sono quelle che vengono usate per la chemioterapia del cancro, i farmaci antivirali, gli ormoni, alcuni farmaci biotecnologici ( nanofarmaci ) e altre ancora.

Il rischio per la salute del lavoratore è direttamente proporzionale al tempo di esposizione e alla tossicità di questi farmaci.


I lavoratori del settore della sanità devono seguire scrupolosamente le seguenti avvertenze per proteggersi contro le esposizioni da farmaci pericolosi.


  1. Per favore legga tutte le informazioni e i fogli esplicativi relativi ai dati di sicurezza dei materiali ( MSDS in inglese, Schede di Sicurezza in italiano ) che il datore di lavoro deve mettere a disposizione in relazione ai farmaci che lei manipola.

  2. Partecipi a tutti i corsi di addestramento che il datore di lavoro deve organizzare e che sono in stretta relazione con i pericoli ai quali può essere esposto nella manipolazione di tali medicine, con i dispositivi di protezione e le procedure che deve utilizzare per evitare l'esposizione alle stesse.

  3. Familiarizzi con le fonti di esposizioni ai farmaci pericolosi e sia in grado di riconoscerle. Tra le fonti di esposizione ci sono:

    a) tutte i procedimenti che hanno a che fare con i farmaci pericolosi ( tra questi la preparazione, la somministrazione e la pulizia );

    b) tutti i materiali che entrano a contatto con le superfici di lavoro, dispositivi di protezione individuali ( PPE in inglese, DPI in italiano ), sacche e raccordi per somministrazione intravenosa, materiali di rifiuti dei pazienti, biancheria usata e sporca.

  4. Prepari i farmaci pericolosi in un'area dedicata esclusivamente a questo scopo e a cui abbia accesso solo un numero ristretto di personale autorizzato.

  5. Prepari i farmaci pericolosi sotto una cappa aspirante, studiata per la protezione dei lavoratori e delle altre persone che potrebbero essere esposte accidentalmente, così come per assicurare la sterilità dei farmaci durante la manipolazione.

  6. Utilizzi due paia di guanti da chemioterapia, monouso e privi di talco, copra la manica del camice con l'estremo superiore del guanto ogni volta che c'è la possibilità di essere esposto ai farmaci.

  7. Eviti il contatto con la pelle usando un camice monouso fatto di polipropilene con rivestimento di polietilene ( che non sia assorbente né disperda pelucchi ). Si assicuri che il camice sia ben allacciato, che abbia le maniche lunghe con il polsino elastico o che si possa comunque regolare. Non usi il camice più di una volta.

  8. Usi uno schermo protettivo quando c'è il rischio di spruzzi negli occhi, nel naso o nella bocca e quando non sono disponibili dispositivi tecnici adeguati ( come ad esempio uno schermo o una finestra in una cappa aspirante ).

  9. Si lavi le mani con acqua e sapone immediatamente prima di usare i dispositivi di protezione ( come ad esempio, guanti e camici monouso ) e dopo esserseli tolti.

  10. Utilizzi siringhe e dispositivi di applicazione intravenosa con connettori Luer-Lok® per preparare e somministrare farmaci pericolosi.

  11. Deponga le siringhe e gli aghi contaminati con i farmaci nei recipienti per eliminare gli strumenti taglienti usati in chemioterapia.

  12. Quando necessita di un'ulteriore sistema di protezione, usi dispositivi a circuito chiuso per il trasferimento di farmaci e sistemi che non impiegano aghi, all'interno di cappe aspiranti chiuse.

  13. Separi i residui di materiale contaminato da altro tipo di rifiuti.

  14. Pulisca e decontamini tutte l'area di lavoro prima e dopo ogni attività che abbia a vedere con i farmaci pericolosi e sempre a fine turno.

  15. Ripulisca immediatamente i piccoli versamenti di farmaci pericolosi che potrebbero verificarsi e usi misure di sicurezza e dispositivi di protezione individuale adeguati.

  16. Ripulisca le grosse dispersioni di farmaci con l'aiuto di un tecnico specialista ambientale.


I datori di lavoro del settore della sanità devono seguire le seguenti istruzioni per proteggere la salute dei propri lavoratori esposti a farmaci pericolosi:


  1. Si assicuri di avere sempre rapporti scritti sopra la vigilanza medica dei lavoratori del settore sanitario e sopra tutte le fasi di manipolazione dei farmaci, tra queste, il ricevimento e l'immagazzinamento, la preparazione, l'amministrazione, la cura, la decontaminazione e la pulizia, insieme alla eliminazione dei medicinali non usati, le dispersioni accidentali dei farmaci e i materiali da eliminare usati per i pazienti.

  2. Prenda sempre in considerazioni eventuali critiche e suggerimenti provenienti dai lavoratori che manipolano queste sostanze quando ha stabilito di adottare questa politica o altro programma per prevenire l'esposizione alle stesse.

  3. Prepari un inventario scritto di tutti i farmaci pericolosi utilizzati nel luogo di lavoro e stabilisca un procedimento abituale di revisione e attualizzazione di questo inventario.

  4. Addestri i lavoratori a riconoscere e a valutare i farmaci pericolosi e a controllare la loro esposizione alle stesse.

  5. Dia informazioni adeguate e foglietti illustrativi relativi ai dati di sicurezza dei materiali ai lavoratori che manipolano sostanze pericolose o lavorano in prossimità delle stesse.

  6. Delimiti un'area di lavoro dedicata esclusivamente alla preparazione dei farmaci pericolosi e che sia limitata al solo personale autorizzato.

  7. Non permetta che i lavoratori preparino farmaci pericolosi in postazioni di lavoro a flusso laminare nelle quali l'aria circola dal farmaco verso il lavoratore.

  8. Disponga di cappe ventilate progettate per proteggere i lavoratori e le altre persone dalla esposizione ai farmaci e per proteggere tutti i farmaci che richiedono una manipolazione in ambiente sterile.

  9. Stabilisca un programma di manutenzione di queste cappe. Tra gli esempi di cappe ventilate ci sono le cappe di sicurezza biologica ( BCS ) e containment isolators che sono disegnate per evitare dispersioni di sostanze pericolose verso l'ambiente di lavoro.

  10. Applichi alle cappe filtri di altissima efficienza ( HEPA ). Si assicuri che lo scarico di queste cappe sia ben connesso con l'esterno quando ciò è possibile e che sia ben distanziato da porte e finestre e altre punti di entrata dell'aria ( per evitare la formazione di correnti spurie ) Prenda in considerazione la dotazione di equipaggiamento addizionale per una maggiore protezione dei lavoratori come sistemi senza aghi, e dispositivi a circuito chiuso per il trasferimento dei medicinali.

  11. Metta a disposizione dei lavoratori i dispositivi di protezione individuale DPI adeguati alla valutazione del rischio istruendo i lavoratori al loro corretto utilizzo secondo la normativa vigente nei vari paesi. E' possibile che nella dotazione siano inclusi guanti da chemioterapia, camici e coprimaniche non assorbenti e che non rilascino pelucchi e protezione degli occhi e del viso.


  • Si assicuri che i lavoratori usino correttamente i dispositivi di protezione individuale.

  • Utilizzi i respiratori certificati. Attenzione! Le mascherine chirurgiche non forniscono un'adeguata protezione respiratoria.

  • Fornisca siringhe e dispositivi per applicazioni intravenosa con connettori Luer-Lok® per la preparazione e la somministrazione dei farmaci pericolosi. Fornisca anche recipienti per eliminarli.

  • Prenda in considerazione i dispositivi a circuito chiuso per il trasferimento dei farmaci e i sistemi senza aghi per proteggere il personale infermieristico durante la somministrazione dei farmaci.
  • Valuti con regolarità i farmaci pericolosi, i dispositivi di protezione, l'effettivo addestramento, le politiche e i     procedimenti operativi sul luogo di lavoro al fine di ridurre nella misura dell'esposizione a questi tipi di farmaci     Adempia accuratamente a tutte le disposizioni normative del paese in cui opera in materia di manipolazion, immagazzinamento e trasporto delle sostanze pericolose.

     

www.cdc.gov

     


     

Copyright 2011 Esposizione professionale agli antineoplastici. Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported.
Templates Joomla 1.7 by Wordpress themes free

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy  Cookie Policy