I Classici della Letteratura Antica

Le Leggi di Manu Libro V

Stampa
Scritto da Francesco

 

LIBRO QUINTO

 

Regole d'astinenza e di purificazione;doveri delle donne

 

Basato sulla traduzione dal sanscrito al francese di Auguste Loiseleur Deslongchamps



1” I Santi, dopo avere ascoltato la dichiarazione delle leggi concernenti i padroni di casa, si rivolsero in questi termini al magnanimo Brigù , che accudiva il fuoco:

2” Oh, Maestro! Come può la morte, prima dell'età fissata dai Veda, estendere il suo dominio sui Brahmani che osservano i loro doveri così come sono stati dichiarati, e che conoscono i libri santi?

3” Il virtuoso Brigù, figlio di Manu, disse allora a questi illustri Santi: Ascoltate quali sono i motivi per cui la morte cerca di distruggere l'esistenza dei Brahmani:

4” Quando sono negligenti nello studio dei Veda, quando abbandonano i costumi approvati, compiono con indolenza i loro doveri pietosi o infrangono le regole di astinenza, la morte attacca la loro esistenza.

5” L'aglio, la cipolla, i porri, i funghi e tutti i vegetali cresciuti in mezzo a materiali impuri, non devono essere mangiati dai Dwidja.

6” Le gomme rossicce essudate dagli alberi, e quelle che escono per incisione, i frutti di selù [ Cordia myxa], il latte di vacca che allatta e che non è stato fatto passare per il fuoco, devono essere evitati con la massima cura da un Brahmano.

7” Del riso bollito con sesamo, del samyava,[Cibo fatto con burro, latte, zucchero, e farina di frumento] riso cotto con latte e un dolce di farina che non sia stato offerto prima ad una divinità, la carne che non sia stata toccata dal recitante la preghiera, del riso e del burro chiarificato destinato ad essere presentato agli Dei, e che non sia stata ancora fatta l'oblazione.

8” Il latte fresco di una vacca prima che siano trascorsi dieci giorni dal parto, quello di una femmina di cammello o di un quadrupede i cui zoccoli non sono fessurati, il latte di pecora, quello di una vacca in calore o che ha perso il suo vitello

9” Quelle di tutte le bestie selvatiche che dimorano nei boschi, eccetto quella di bufalo, quello di donna, e tutte le sostanze naturalmente dolci, ma diventate acide, devono essere evitati.

10” Tra queste sostanze acide, si può mangiare il latte di burro, così come tutte le preparazioni a base di latte di burro, e tutte le sostanze acide estratte dai fiori, dalle radici e dai frutti che non hanno proprietà nocive. ...continua

Copyright 2011 Le Leggi di Manu Libro V. Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported.
Templates Joomla 1.7 by Wordpress themes free

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy  Cookie Policy