Medicina

Il Movimento Acqua

Stampa
Scritto da Alba

Movimento acqua

Rappresentativo del Caos primordiale,racchiude in se una potenzialità infinita. Non ha caratteri precisi e di per se non ha forma, impossibile parlare di direzione, dimensione o qualità spaziali, ma non è il Nulla, costituisce la materia base del Creato, tutte le cose viventi dipendono da essa. L’Elemento Acqua è rappresentativo della vita stessa. L’Acqua, Shui,  è un movimento continuo perfettamente integrato nel mezzo ambiente, che si esprime dinamicamente insieme con gli altri quattro Movimenti. L’Acqua è un elemento capace di assumere sempre nuove forme nel suo naturale movimento di discesa  verso il basso e verso il  più profondo. Tanto nel microcosmo che nel macrocosmo l’Acqua apre il cammino della vita generando le forme e l’energia primordiale attraverso un mezzo acquoso ionico che assicura il nutrimento alle cellule. L’Acqua costituisce il medium attraverso il quale corrono i Meridiani. Tutti i Meridiani stabiliscono una stretta relazione con questo Movimento. La sua naturale tendenza è sempre quella di ricercare la strada che si dirige verso il basso, tentando di raggiungere le estremità più profonde, trasportando questo concetto all’organismo, notiamo che nel livello energetico più profondo ci sono i Reni, gli organi che grazie alla loro capacità di filtrare, pulire e rivitalizzare reggono il Movimento Acqua nel corpo,specificamente collegati all’Acqua. Dopo il movimento di espansione dello Yang, c’è il ritorno al massimo Ying che si esprime a mezzanotte nel ciclo circadiano e nel solstizio d’Inverno nel ciclo delle stagioni. La sua collocazione nello spazio è il Nord e viene sempre associato alla Costellazione dell’Orsa Minore o meglio alla Stella Polare che indica sempre e ovunque il Nord, punto di riferimento dei marinai. E’ stata la prima sostanza ad emergere dalla celeste unità, il principio di ogni mutazione, molte cosmologie pur differendo in tanti particolari, sono tutti concordi nell’affermare che in principio erano le acque Primeve, da queste ha avuto origine il processo di emersione che non implica solo l’emersione della terra,ma è da intendersi come avvento della luce, della vita, e dell’intelletto, è germe stesso della vita che si sviluppa ed emerge delle acque. Il nono canto del Rig Veda, è dedicato alle acque, acque che vengono celebrate come divino balsamo salutare “… Il dio Soma, canta il poeta vedico, mi ha detto: nelle acque ci sono tutti i rimedi. O, acque, arrecate il rimedio per guarire il mio corpo, affinché io possa godere a lungo del Sole. E quello che in me possa esservi di malato, o acque portatelo via…” A.De Gubernatis

L’acqua che appare principale elemento della creazione, nella cosmogonia biblica, come in quella indiana, nella leggenda del diluvio ritorna come acqua lustrale, un’acqua rigeneratrice che purifica il mondo, che lo lava e da cui emerge un uomo nuovo. In molte tradizioni antiche il diluvio è stato rappresentato sia come un momento di distruzione, ma anche come forza di rinnovamento con una perfetta corrispondenza tra le leggi fisiche e le leggi della morale, compenetrazione indissolubile tra l’uomo e l’universo tra l’ambiente e l’opera dell’uomo.

… Quando il nuovo giorno sorse luminoso,
una nuvola nera si raggomitolò lontano sull’orizzonte…
il chiarore del giorno si trasformò d’un tratto nella notte,
il fratello non vede più il fratello,
il popolo del cielo non può più riconoscere.
Gli Dei erano pieni di spavento davanti al diluvio,
essi fuggirono e si rifugiarono fino alla montagna celeste di Anu…
Durante sei giorni e sei notti
Si gonfiarono la tempesta e il diluvio,Uragano regnò sul paese.
Quando il settimo giorno spuntò, si placò la tempesta,
si spianò la marea che aveva infuriato come un esercito in guerra;
le onde si fecero tranquille, cessò il vento tempestoso, e i flutti smisero di salire.
Guardai verso l’acqua, il suo muggire si era ammutolito…
Quando spuntò il settimo giorno, liberai una colomba e la mandai lontano,
e la mia colombo volò e poi tornò indietro…Epopea di Gilgamesh

Pur conservando in se l’atto del non agire ossia il Wu Wei eletto dal taoismo come simbolo della saggezza,non si oppone a nulla non si ancora a nulla,solo si lascia scorrere seguendo l’inclinarsi del terreno. Se si mettessero in pratica le regole dell’Inverno, le acque straripando farebbero delle devastazioni, la neve e il gelo sopraggiungerebbero, le prime sementi non germinerebbero…Li Ki cap.IV.

Il Movimento Acqua racchiude in se una doppia dialettica; alto/basso nel suo movimento di discesa della pioggia e dei fiumi che vanno verso il mare e quello di salita dei vapori che dalla terra vanno verso l’alto per formare le nuvole;

… Le acque si disperdono in virtù della loro formazione, tanto che, nell’insieme, da nessuna parte l’elemento liquido trabocca. I venti, spazzando il mare con il loro soffio potente, e il sole etereo, aspirando con i suoi raggi, ne diminuiscono il volume;un’altra parte si distribuisce ovunque sotto terra dove si infiltra e si deposita, poi l’elemento liquido, ritornando sui suoi passi, risale verso la sorgente dei fiumi dove si riunisce; e di là il suo flutto, addolcito, scorre e cammina alla superficie del suolo, seguendo la via scavata un tempo, che scende lungo la marcia limpida delle onde… Lucrezio

duro/molle se  consideriamo il suo aspetto condensato,sintesi della potente forza del gelo, che indurisce l’acqua nelle sue profondità, rallentando e arrestando il cammino dei fiumi, espressione di un processo di concentrazione e di solidificazione per il freddo. L’Acqua e il freddo legati tra loro per l’appartenenza al Nord condensano induriscono e quando il flusso si interrompe per questa solidificazione, dividono. Nel suo scorrere si alternano momenti di flusso, canalizzazione, erosione del suolo a fasi di consolidamento: deposito di sostanze, condensazione dei ghiacciai. L’esagramma che rappresenta l’Acqua è “Kan, l’Abissale”. Secondo quanto ci racconta Richard Wilhelm nel suo libro “ I Ging, das Buch der Wandlungen”, significa “ precipizio “, una linea Yang che cade tra due linee Ying, come l’acqua che precipita  in  una profondità della montagna. Non sfugge da nessun pericolo, rimane fedele alla sua natura, scorre ininterrottamente per raggiungere la sua meta, come il fiume segue la corrente e ritorna al mare.

Elementi caratterizzanti il Movimento Acqua


Regione della terra:corrisponde alle terre del Nord, dove il freddo regna sovrano e il sole splende a mezzanotte.

Stagioni: la stagione che rappresenta il Movimento Acqua è l’Inverno,la stagione in cui la vita rientra in profondità, la neve ricopre tutto proteggendo l’essenza della vita pronta a rispuntare rigogliosa e prepotente a Primavera. L’antico cerimoniale del Pa Cha determinava l’inizio del riposo Invernale. L’imperatore nel giorno stabilito andava ufficialmente incontro all’Inverno nei sobborghi del Nord dove sacrificava al Signore dell’Alto un toro fulvo. Questa cerimonia chiudeva tutte le attività della vita agricola, si riaccendeva in casa il fuoco domestico, spento a Primavera, i lavori agricoli erano vietati, i tre mesi invernali servivano per chiudere e tesaurizzare, bisognava aiutare il Cielo e la Terra a chiudersi. Il ritmo della stagione portava in se l’impronta dell’ambiente agricolo, che al di la dell’aspetto prettamente rituale servivano anche ad inserire le opere umane nell’ordine universale, assecondando, favorendo e seguendo il corso della natura. In inverno “… si esercita il volere come sotterrati, come nascosti, come rivolti solo verso sé, come occupati a possedersi. Si fugge il freddo, si cerca il calore, senza lasciar sfuggire nulla attraverso gli strati della pelle, con il timore di far sfuggire i propri Soffi. Così ci si adegua ai Soffi dell’inverno per mantenere e tesaurizzare la vita”…Suwen

Clima: il freddo Han è il clima collegato all’Acqua. Il freddo è di natura Ying  ed è lesivo per lo Yang. Agisce bloccando il libero fluire dell’Energia, ostruendo e bloccando la circolazione del Qi e del Sangue, provocando le cosiddette “Sindromi dolorose da ostruzione” che si manifesteranno con dolori articolari e muscolari, proprio perché l’energia viene a trovarsi come “congelata”. Può presentarsi sotto molteplici forme;freddo secco,freddo umido,vento di tramontana oppure presentarsi sotto forma di neve. Costituisce la noxa cosmopatogena più aggressiva per l'organismo perché è capace di arrestare il normale scorrimento dell'Energia Qi.

Colore: il colore associato all’Acqua è il nero; il nero della terra dove il seme è messo a germogliare,oppure il nero degli abissi marini,il non colore dell’Acqua, il colore del mistero profondo. Seguendo le regole del Feng Shui, una casa in cui predomina l'elemento Acqua, sarà arredata con colori azzurri e neri.

Forme: la forma associata all'Acqua è la forma sinuosa ,ondulata, quella che richiama le onde del mare.


Suono: la nota che esprime la tonalità dell’Acqua è la nota Yu, corrispondente al Re della scala pentatonica, è prodotta dal suono ritmato dei tamburi ed è di natura oscillatoria e rappresentava la melodia da suonare nelle celebrazioni in onore degli antenati.


Odore: la sensazione olfattiva associata al Movimento Acqua è l’odore che si percepisce nei luoghi umidi, palustri, odore francamente putrefattivo ma è anche l’odore dello strato di humus sul quale crescono i funghi, del tofu in fermentazione, l'odore della salamoia e l’odore della carne messa ad affumicare per essere conservata per l’inverno.


Sapore: il sapore è il salato; il salato del salgemma estratto dalle viscere della terra,ma anche il salato dell’acqua marina. Il sale alleato prezioso dell’acqua,con il compito di richiamarla e trattenerla nell’organismo. Il sapore salato  Xian è il sapore  che si dirige all'Organo Rene
Il salato dal punto di vista farmacologico è un sapore ammorbidente con azione disperdente sul Qi del Rene, è il sapore delle purgazioni  evacuative. E' di natura Ying e in quantità normali  nutre il Rene, con l'avvertenza di non eccedere perché un eccesso di sale diventa lesivo per le ossa.

Alimenti: si dirigono al Rene tutti gli alimenti conservati sotto sale, e tutti quelli conservati con il freddo.

Prodotti della terra: all’Acqua sono associati tutti gli animali ricoperti di scaglie,come i pesci,tutti i frutti di mare,le conchiglie e i crostacei,tra gli animali domestici il porco l’anatra e l’oca. Nel regno vegetale troviamo le foglie di fagiolo,il fagiolo grande,i piselli la soia e le alghe;non troviamo cereali ma solo legumi i quali si prestano ad essere conservati per l’inverno. Tra i frutti troviamo la castagna, i pistacchi e le noci,che esplicano un’azione tonificante a livello dei reni e un'azione correttiva nel caso di vuoto di Rene.

Parti del corpo:Le ossa e i midolli sono posti sotto il Movimento Acqua.(Per midolli si intende tanto il midollo spinale che il midollo osseo e anche in un senso più ampio il cervello).Lo scheletro è il responsabile della nostra stabilità fisica. E' l'espressione più pura della dialettica duro/molle insita nel movimento. Mosso dai muscoli (Legno) ci permette persino i movimenti di danza, ma fisso al suolo è l'emblema della stabilità, rappresentativo della forza e della rigidità ma contemporaneamente simbolo della plasticità e dell'elasticità,è la fermezza dell'uomo, il suo persistere al di la di tutte le trasformazioni,proprio come l'Acqua che lo rappresenta. Esternamente l'Acqua è collegata ai capelli di cui bisogna apprezzare il trofismo e la vitalità;i Reni nutrono i capelli, una chioma fluente è sinonimo di vitalità. In qualsiasi situazione che comporta un eccessivo consumo di essenza vitale, come un periodo di superlavoro, un lutto, una malattia l'allattamento e così via, la caduta dei capelli acquista dimensioni preoccupanti, che va ben oltre la normale caduta fisiologica, talvolta legata al ciclo stagionale. I capelli diventano sottili, fragili e secchi, con canizie precoce a causa di un deficit di Ying del Rene. Migliorando il regime alimentare, dando più ascolto ai segnali che l'organismo invia e tonificando lo Ying di Rene,il  problema della caduta dei capelli potrebbe risolversi. Gli orifizi sono i genitali,l'uretra e l'ano. Il Movimento Acqua inoltre è il custode di tutte le attività connesse alla rigenerazione e riproduzione, attività collocata a livello delle gonadi che svolgono la  funzione di custodire le radici della vita,per poi ritrasmetterle,garantendo così un filo di continuità della specie. Nel suo movimento di pulizia è collegato invece agli orifizi cloacali, uretra e ano.

Organi di senso:l'orecchio è l'organo di senso associato all'Acqua. Infatti la sua forma di embrione ricorda quella del Rene, ed è alla base della tecnica di agopuntura detta auricoloterapia scoperta dal medico lionese Paul Nogier. Inoltre tutto il processo uditivo,con il suo meccanismo di onde sonore trasmesse dall'aria alla membrana del timpano e al liquido cocleare per mezzo della catena degli ossicini è espressione di un'attività strettamente legata al Movimento Acqua. Il deficit di Ying renale comporterà la spiacevole sensazione di acufeni e ipoacusia delle frequenze alte.

Ora:l'attività massima del movimento si registra dalle ore 15 alle 19;dalle 15 alle 17 è il periodo di massima attività della Vescica, dalle 17 alle 19 è il momento di massima attività del Rene.

Percorsi dei Meridiani nel tragitto del corpo: il Movimento Acqua all'interno del corpo è reso possibile dal decorso di due Meridiani,precisamente quello della Vescica e quello del Rene. Il Meridiano della Vescica ha il percorso più lungo dell'organismo,infatti ricopre tutta la zona dorsale,dividendosi in due rami per emisoma,passa attraverso il cranio e termina nel punto 67V situato sul dito mignolo del piede. Lungo la sua traiettoria, sono situati a circa un cun di distanza dalla colonna vertebrale i punti Shu,ciascuno dei quali collegati ad uno specifico organo interno su cui si può intervenire terapeuticamente con un'azione specifica e mirata agendo su di essi.
L'altro percorso dell'Acqua è quella del Rene che scorre lungo la parte anteriore del corpo (lato Ying) ed è connesso con le funzioni riproduttive nutrizionali e respiratorie dell'organismo.

Attitudini:l'Acqua custodisce la volontà e la determinazione. Le persone che non hanno la determinazione dell'Acqua si lasciano trascinare dalla corrente degli eventi senza una chiara coscienza di sé e senza essere padroni della propria vita.

Emozioni: la paura è l'emozione collegata all'Acqua,paura intesa anche e soprattutto come ansia generalizzata,timore e cattivo presentimento. Quella paura che immobilizza la persona e la sua mente e che genera un alterato stato percettivo che riguarda  il corpo  nella sua interiorità con i pensieri che risultano statici, concentrati solo sull'oggetto della paura. Sono l'ansia e la paura che compaiono quando si blocca il libero fluire della dinamica duro/molle tipico del Movimento. Ci si attacca e ci si fissa a sé o a qualcosa per timore di perder il centro di sé stessi quasi a volerlo fissare gelificarlo, dimenticando che se un fiume fosse sempre gelato non andrebbe verso il mare,portando con sé la vita,che comunque è un fluire incessante di sé e di sé nelle cose.

I ministri dell'Acqua

Il Rene

Il Rene è la radice del Cielo anteriore infatti accoglie e custodisce tutte le energie dell'uomo. E' la fonte del corpo umano, primo germoglio della vita fisica. Nei Reni risiede la fonte della vita, l’essenza che produce e nutre la formazione primordiale del corpo umano. Forma il potenziale genetico di ciascuno, l’energia ancestrale ereditata dagli antenati, la radice da dove la sua evoluzione fisiologica, segmentata da tappe ben definite prende forma. Origine della vita che porta tutte le informazioni morfologiche degli esseri. Paragonato agli altri organi è situato nella posizione più bassa. Associato con l'elemento Acqua è il custode dello Jing,l'essenza pura derivata dalla trasformazione energetica degli alimenti.
Il Rene è il responsabile dei caratteri ereditari immagazzina il Jing vitale e,in collaborazione con Ming men,custodisce la Yuan Qi. Il Rene immagazzina il Jing,l'essenza e attraverso di questa regge la riproduzione,la trasmissione della vita e del patrimonio ereditario;sovraintende alla nascita,alla crescita e allo sviluppo dell'individuo. E' anche custode dell'energia ancestrale Yuan Qi,concentrata nel Ming men o Porta della vita,funzione anatomo-energetica collegata al Rene e che deve essere accuratamente conservata perché da essa dipende la qualità e la quantità della vita.Il Jing racchiuso nel Rene è di due tipi: il Jing innato e il Jing acquisito. Il primo è correlato con la nozione di Cielo anteriore e porta con sé tutte le caratteristiche legate all'ereditarietà,mentre il secondo è in relazione con le funzioni di conservazione e mantenimento dell'organismo tramite l'alimentazione e la respirazione.

Il Jing innato:il corpo umano è costituito,come qualsiasi forma vivente su uno schema universale chiamato in genetica DNA. La medicina cinese esprime questo concetto in termini di potenzialità di forze ossia:
l'energia della specie:Yuan Qi
l'energia della stirpe Zong Qi
l'energia dei genitori Jing Qi.
La combinazione delle tre energie costituisce il capitale energetico innato dell'individuo,immagazzinato nei Reni.
Queste tre energie agiscono al momento del concepimento formando la parte innata del Jing Qi del bambino detto del Cielo anteriore.
Il Jing Qi della madre agisce durante i nove mesi di gestazione e del periodo dell'allattamento e in maniera residua dura fino al periodo della dentizione formando la parte acquisita del jing innato del bambino.
Il Qi dell'ovulo fecondato è ricchissimo, poiché le cellule riproduttive maschili e femminili sono particolarmente abbondanti di Jing Qi. Sotto l'influenza del Qi dell'utero e del Jinq Qi della madre,il Qi dell'ovulo si concentra durante i primi otto giorni secondo uno schema periferico ad anello. Dopo otto giorni l'uovo fecondato diventa morula e si struttura secondo uno schema ad asse terrestre cioè con l'asse inclinato, l'anello di Qi comincerà allora a rafforzarsi e la morula assumerà la forma a mezzaluna,con la comparsa della faccia ventrale Ying e della faccia dorsale Yang,tali trasformazioni avvengono lungo un'asse chiamato
nodo di Hensen che lega il punto 4GV Ming men al punto 4CV,contemporaneamente si formeranno altri vasi provvisori con funzioni nutritive necessarie ad assicurare la crescita dell'embrione,questi vasi sono chiamati meridiani straordinari e sono destinati a scomparire al momento della formazione della rete energetica dei meridiani principali; anche se in forma marginale continueranno comunque a svolgere una piccola funzione.
Qualsiasi alterazione dell'energia innata che abbiamo detto paragonabile al nostro concetto di codice genetico,si esprimeranno sia con malattie congenite sia con disfunzioni la cui componente ereditaria è estremamente importante. Il Jing congenito durante la vita tenderà a diminuire,per questo dovrà essere adiuvato dalla parte del Jing acquisito  che dovrà essere coltivato per diventare abbondante e qualitativamente valido,facendo ricorso oltre che ad una alimentazione sana e abbondante anche a pratiche di meditazione e di ginnastiche mediche.

Il Jing acquisito:elaborato da Milza e Stomaco,a partire dagli alimenti,il Jing acquisito è trasportato dal Cuore ai Cinque Organi e ai Sei Visceri che nutre diventando Jing specifico,(esempio Jing di Cuore o Jing di Fegato).
La parte di Jing eccedente viene immagazzinata nel Rene che lo conserva in caso di sopravvenute carenze energetiche. Questo è uno dei motivi per cui si rende necessario tonificare il rene soprattutto durante il trattamento di malattie croniche.
Il Rene è l'organo Ying più Ying. E' all'origine della formazione dei meridiani definitivi e durante la gestazione partecipa ,con il jing della madre alla elaborazione del sistema nervoso e dello scheletro.Il Rene è la fonte di energia Ying e Yang, ossia lo Ying renale produce anche lo Ying degli altri organi e la stessa cosa avviene per lo Yang. I testi antichi parlano del Rene come della radice della vita,o anche della radice del Qi o del Cielo anteriore.
Il trattino d'unione con la fisiologia occidentale sta nel fatto che quest'ultima oltre a riconoscergli una funzione di gestore dell'equilibrio idrico,anche una funzione legata al midollo osseo produttore di globuli rossi,infatti il Rene secerne un ormone chiamato eritropoietina che agisce proprio sul meccanismo dell'eritropoiesi (formazione del sangue).
Il periodo di massima attività del Rene è quello compreso tra le ore 17 e le ore 19.
Il loro compito fondamentale si può riassumere con la funzione di immagazzinaggio  dell'essenza Jing e del Qi ancestrale;controllo degli orifizi; controllo delle acque soprattutto della saliva;azione sulla riproduzione e fertilità;produzione e controllo delle ossa e dei midolli; sostegno degli organi.
Il tessuto collegato con i Reni è rappresentato dai capelli;l'organo di senso è l'orecchio che ricorda sia la forma del Rene che quella di un embrione,un Jing di Rene insufficiente potrebbe causare un abbassamento dell'udito,infatti la presbiacusia tipica dell'anziano è dovuto ad un esaurimento per cause fisiologiche del Jing  di Rene;l'emozione associata è la paura mentre la relazione psicologica è la memoria.
Sono formati da una serie di unità funzionali circa un milione chiamati nefroni,in MTC fanno parte del Rene anche le vie urinarie superiori,calici,bacinetto, uretere.
Sono di colore rosso e il loro aspetto ricorda quello del fagiolo,con un peso di circa 140 grammi,sono situati ai lati della parte posteriore dell'addome e il rene sinistro è leggermente più in alto di quello destro. Il Meridiano del Rene presenta circa 27 agopunti i quali sono utilizzati oltre che per le patologie che riguardano il suo percorso e quello dell'apparato genito-urinario, anche per le patologie che riguardano le patologie dell'apparato digestivo e respiratorio



La Vescica

Organo Yang abbinato ai Reni,ha un ruolo imperniato sui liquidi, dei quali assicura l'escrezione. Come tutti gli organi Yang abbinati agli organi Ying, protegge i Reni dalle aggressioni emotive,termiche ed energetiche.
L'attività massima della Vescica è compresa tra le ore 15 e le ore 17.La sua funzione è quella di ricevere la parte impura dei liquidi,già filtrata dai Reni,cioè quella che contiene le scorie,e di secernere l'urina.
Anatomicamente è situata nella parte bassa del bacino,dietro la sinfisi pubica.La sua capacità è di 2-3 litri,leggermente più grande nella donna,la capacità fisiologica che determina la necessità di urinare è di 300 ml,in MTC fa parte della Vescica anche l'uretra.
Il Meridiano della Vescica presenta sessantasette punti,utilizzati oltre che per le patologie che riguardano il suo percorso e gli organi di Vescica e Reni,anche per le patologie che riguardano in generale altri organi e visceri. Infatti i punti che vanno da 11V a 17V trattano le malattie di Cuore e Polmoni;dal 18V al 22V trattano le malattie di Fegato Milza Stomaco e Vescica Biliare;i punti che vanno dal 23V in poi trattano le patologie di Rene Vescica e Intestino. Lungo il decorso del Meridiano di Vescica, sono inoltre situati i punti Shu. I punti shu sono punti che mettono in relazione organi e Visceri con l'esterno. Sono quattordici,uno per ogni organo e viscere più uno collegato al Vaso Governatore o Du Mai e uno che regola l'attività del diaframma. Agiscono sull'energia Yang di tutte le strutture corporee e in particolare sono in grado di attivare anche l'energia difensiva Wei.Sono importanti per la diagnosi,infatti una loro sensibilità ad uno stimolo doloroso è indicativo di uno squilibrio del viscere o dell'organo corrispondente.
“…quando l'energia perversa è profonda e ha attaccato questo o quell’altro organo bisogna pungere i punti shu degli organi situati lungo il meridiano della Vescica..... Lingshu

Copyright 2011 Il Movimento Acqua. Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported.
Templates Joomla 1.7 by Wordpress themes free

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy  Cookie Policy